Una vita sana e una dieta equilibrata

Non è stato semplice dare un titolo a questo post. Erano in lizza anche questi altri titoli:
1. Quando i topi non ci sono, i gatti ballano.
2. Sesso, cibo e rock & roll.
3. 40 anni e sentirli.

Facciamo che scegliete voi quello che preferite.

I nostri figli sono al mare con i nonni da ben 2 settimane e con Barbara, la mia dolce metà, abbiamo fatto in questi giorni tutto quello che una coppia senza figli, o che non si fa troppi problemi a chiamare una babysitter, normalmente spalma in parecchio tempo.

Siamo andati al cinema (forse addirittura 2 volte), siamo stati a cena da amici, siamo andati in moto, Barbara ha fatto shopping sfrenato (con i saldi), siamo andati al ristorante greco sul naviglio Martesana in moto e abbiamo anche preso la pioggia,  abbiamo anche visto un paio di film per intero stando stravaccati sul divano (da 15 giorni non ci sono cartoni animati sulla nostra tv) e infine ho fatto sport, molto sport.

E qui viene il bello.

Lunedì sera sono andato a correre. Ho fatto i miei soliti 5 Km con un discreto tempo (28′), considerando le 3 settimane di pausa causa tennis.

Martedì a pranzo mi sono fatto convincere da Cinzia (una collega) ad andare al giappo. La sera a cena da amici.

Mercoledì sera taverna greca, e non mi sono certo risparmiato: Feta con miele e sesamo come antipasto e Gyros pita.
image

Giovedì a pranzo replica del giappo.
La sera decido di andare a correre per smaltire i bagordi. Ho fatto 13,4 Km in 1h27′ ma gli ultimi km mi sono trascinato.
Ad un certo punto pensavo di essere morto perché ho incrociato un angelo. In realtà era più un angelo era una dea: alta, mora con capelli raccolti in una coda di cavallo e gambe lunghissime. A breve distanza la seguiva un figone spaziale. No non ero io. Era un fotomodello con fisico da paura che correva apparentemente senza fare fatica. Io ero uno straccio fradicio con gli Uramaki che si riproponevano nei burp.
Ho cenato con 3 fette di bresaola e della frutta.

Venerdì giorno di ferie per raggiungere i pargoli al mare. Vero è che abbiamo fatto tappa al Serravalle Outlet, ma ci abbiamo messo 3h per fare 220 Km. È stata una tortura.

Risultato, mal di testa potente. Non ho più l’età x tenere questi ritmi, devo farmene una ragione. Passati i 40 il fisico non reagisce più come la testa vorrebbe.

Ora sono al mare con le nuvole che nascondono il sole e Barbara è arrabbiata perché non può aggiungere quella goccia di caffè alla sua pelle color latte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...